WALKABOUT #03. PASSO MOBILE

 

curated by Ermanno Cristini

 

La centrale edizioni, 2019

 

Walkabout è un progetto fatto di una serie di mostre, ognuna su argomenti specifici, che possono trasformarsi durante il loro svolgersi. Ad ogni appuntamento alcuni degli artisti invitati ricorrono altri cambiano; uno di questi agisce da testimone ed è nel suo racconto, orale, scritto, musicale, visivo, filmico, ecc. che la mostra continua a vivere. Il racconto fa da filo conduttore per la mostra successiva di cui è elemento essenziale.

 

Walkabout nasce dall’esperienza di Roaming, un progetto di Ermanno Cristini a cura di Alessandro Castiglioni, che si interroga sul rapporto tra produzione di un’opera, la conseguente circolazione e la questione della diffusione della propria immagine. Avviato nel 2008 e concluso nel 2014 Roaming ha coinvolto oltre 100 artisti di diverse nazionalità, ha realizzato 22 mostre in altrettante città europee di cui oltre la metà museografiche. La mostra conclusiva è stata realizzata a Maggia (CH) nella Fabbrica Rosa, l’ex Archivio di Harald Szeemann.

 

______________________________________________________________________________________________________

 

Walkabout vuole percorrere le trasformazioni dello statuto dell’opera d’arte osservandola come fuga di testimonianze.
Oggi il destino dell’opera d’arte è caratterizzato da un inevitabile “rotolamento” attraverso i media e i formati, dando luogo ad un processo di continua codifica e transcodifica, o di traduzione.

La traduzione, implicando il passaggio da un linguaggio all’altro, si misura sempre con l’intraducibile, ovvero si esercita nella forma di un passaggio di “frontiera”, un luogo in cui si fanno fronte due diversità. Per questo ogni traduzione è un’interpretazione, e lo è nel momento in cui fallisce come semplice atto di transcodifica e si nutre del “malinteso” che necessariamente si genera nel confronto tra le diversità.

La traduzione che ha consapevolezza del proprio fallimento diventa testimonianza, laddove sa di misurarsi deliberatamente con l’indicibile.

Mappa e antenna, il “canto” nel Walkabout degli aborigeni australiani esprime una volontà di orientamento. Oggi, entro la catastrofe dei linguaggi, è una risposta che guarda al frammento “tirando dei fili”, i fili del significato. 

Walkabout is a project made of a series of exhibitions, each one is on specific topics and it can transform during its development.

Every time, some of the invited artists are new, some are recurrent; one of them acts as a witness, and the exhibition continues to live within their storytelling, which might be oral, written, musical, visual, filmic, etc.

Walkabout was born from the experience of Roaming, a project by Ermanno Cristini and curated by Alessandro Castiglioni. It questions the relationship between the production of a work of art, its consequent circulation and the spread of its own image. Launched in 2008 and concluded in 2014, Roaming has involved over 100 artists of different nationalities, across 22 European cities in as many exhibitions, over half of which are museographic.

The final exhibition was held in Maggia (CH) at the Fabbrica Rosa, Harald Szeemann’s former Archive.

_________________________________________________________________________________________________________

Walkabout wants to follow the transformations of the status of the work of art, by observing it as a leak of testimonies. Nowadays the fate of the work of art is characterized by an inevitable "rolling" across media and formats, generating a continuous process of coding and transcoding, or of translation.

Given the shift from one language to another, the translation always faces the untranslatable. In other words, it exerts itself in the form of a "frontier" passage, a place where two differences face each other. This is why every translation is an interpretation, given its failure as a simple act of transcoding and the "misunderstanding" that necessarily generates from the confrontation between differences.

The translation that is aware of its own failure becomes a testimony, as it is conscious of deliberately measuring itself against the unsayable.

Map and antenna, the "song" in the Australian aborigines’ Walkabout, expresses a desire for orientation. Nowadays, within the languages catastrophe, it is a response that looks at the fragment by "pulling threads", the threads of meaning. 



WALKABOUT #04.

Cutting in

Tufano Studio, Milano

November 2019

From an idea by Ermanno Cristini e Luca Scarabelli

 

Claudio Corfone, Ermanno Cristini, Carlo Dell’Acqua, Andrea Nacciarriti, Luca Pancrazzi, Mariateresa Sartori, Luca Scarabelli, Marcel Zischg 

 

 

 

 

picture at left:  "Breath /Ritmico dispersivo)", 2019, rubber stamping on fabric slippers, four pairs, ph. Luca Scarabelli



WALKABOUT #03

Passo mobile

Kunsthalle West, Lana (BZ) 

May - Jine 2019

From an idea by Ermanno Cristini e Luca Scarabelli

 

Antonio Catelani, Umberto Cavenago, Ermanno Cristini, Gianluca Codeghini, Pierluigi Fresia, Giancarlo Norese, Luca Scarabelli, Roberta Segata, Marcel Zischg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

picture at left:  "To be late nocturnal", 2019, scotch tape, chair, Kunsthalle West, Lana, ph. Ulrich Egger 



WALKABOUT #02 / A PLACE TO BE. Accesso Obliquo

LATO, Prato

March - April 2019

From an idea by Ermanno Cristini, Matteo Innocenti, Luca Scarabelli

 

Aurelio Andrighetto, Simona Barbera, Tiziano Campi, Umberto Cavenago, Ermanno Cristini, Hannes Egger, Ronny Faber Dahl, Pierluigi Fresia, Armida Gandini, Giancarlo Norese, Luca Scarabelli, Olivia Vighi

 

 

 

 

picture at left: " Artistic gymnastics. Seduta cardinale (Prato)", 2019, two compass on chairs found on site, ph. Simona Barbera



WALKABOUT #01 / FOREIGNNESS. Incantamento

April-May 2018

Fabbrica del Cioccolato, Blenio, Svizzera

 

From an idea by Ermanno Cristini, Al Fadhil, Franco Marinotti, Luca Scarabelli

 

Simona Barbera, Sergio Breviario, Umberto Cavenago, Ermanno Cristini, Carlo Dell’Acqua, Hannes Egger, Elena El Asmar, Ronny Faber Dahl, Gabriela Hess, Michele Lombardelli, M+M, Angelo Mosca, Giancarlo Norese, Luca Pancrazzi, Javier Peñafiel, Luca Scarabelli, Ivana Spinelli, Giovanni Termini, Enzo Umbaca, Alejandro Vidal 

 

 

picture at left: " Artistic gymnastics. Seduta cardinale (Blenio)", 2019, two compass on benchs found on site, ph. Walter Carni